Gavick News Image I

http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/david.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/scacchi.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/caselle.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/monete.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/cavolata.jpg

Article Marketing
Social Bookmarking e Article Marketing PDF Stampa E-mail

In questo capitolo parleremo di Social Bookmarking e Article Marketing, ovvero di Editoria Sociale e di diffusione dei Comunicati Stampa nel web.

 

L'Article Marketing, letteralmente marketing attraverso gli articoli, diffonde testi scritti nel web per:
A migliorare la link popularity
B aumentare il traffico al sito.
C rafforzare il brand
D contribuire alla reputazione on-line.

 

Il procedimento

L'azienda redige testi scritti e li segnala a siti specializzati. Qui gli articoli vengono ordinati in categorie e messi a disposizione dell'utente. Sono rintracciabili semanticamente attraverso tag e keyword assegnati dall'autore. E' un servizio gratuito, è sufficiente effettuare una semplice registrazione. I testi passano al vaglio di una redazione e poi pubblicati con licenza Creative Commons che permette la ripubblicazione in altri siti, e da qui la loro diffusione nel web.

 

Articolo e Comunicato Stampa

Ci sono due tipi di testi: l'articolo e il comunicato stampa. Il comunicato stampa è un articolo autoreferenziale, è la voce dell'azienda che parla di sé: attività, prodotti, servizi e news. E’ un testo che contiene tutte le informazioni necessarie per scrivere un articolo. Nell’editoria cartacea, infatti, viene diffuso tra gli organi di stampa affinché possano trarne una notizia. Nel web è sufficiente pubblicarlo nei siti che raccolgono i comunicati stampa o diffonderlo con l’editoria sociale. L'articolo, benché pensato e curato dall'azienda, non parla dell'azienda ma di argomenti a lei affini e riconducibili alla sua attività produttiva. Per esempio promuoverò la mia azienda di calzature, diffondendo articoli di e sulla moda, con link di riferimento ad una pagina del mio sito dove è possibile ammirare la nuova collezione autunno-inverno. Allo stesso modo, diffonderò ricette di cucina per pubblicizzare il mio brand che produce pasta alimentare. Scriverò di eventi culturali toscani, se gestisco un agriturismo tra i colli senesi.

 

Qual è il vantaggio di pubblicare il proprio articolo nei siti degli altri?
A - migliorare la link popularity

Per ogni articolo pubblicato vi è un link di ritorno al proprio sito. Questo aiuta la link popularity e quindi il posizionamento nella SERP. Attenzione, alcuni siti ci linkano indicando il "no follow": in questo modo quel link c'è ma non apporta valore per il PageRank.

 

B - aumentare il traffico al sito

Aumentano le possibilità che gli utenti leggano il mio articolo. In genere i siti specializzati di Article Marketing hanno un buon posizionamento, migliore del nostro, e ciò favorisce anche l'indicizzazione da parte del motore di ricerca.

 

C - rafforzare il brand

L'articolo che pubblichiamo, si trascina dietro una box con le informazioni sull'autore. Questo rafforza la presenza del nostro brand on-line. Più diffusione ha l'articolo, più diffuso sarà il nostro marchio.

 

D - contribuire alla reputazione on-line

Pubblicando e promuovendo articoli sull'azienda, contribuiamo alla costruzione della sua reputation on-line, ovvero ciò che il web riferisce su di noi. In questo modo, quando un utente cerca informazioni sul nostro brand o prodotto troverà molte fonti ufficiali che contrastano quelle dei competitor e diminuiscono il rischio di voci contrastanti con la linea dell'azienda.

 

Quali errori non commettere?
Attenzione a non creare duplicazione di contenuto. Gli articoli che pubblichiamo devono essere originali e non copiati, altrimenti saremo penalizzati dal motore di ricerca.
Inutile eccedere con le keyword, inseriamone poche ma pertinenti.
Quanto descritto è parte di un piano strategico di web marketing, e per il suo successo vale la regola di sempre: creare servizi che siano realmente utili per l'utente, è l'unico modo per essere "premiati" dal motore di ricerca. Il resto sono accorgimenti utili, necessari, ma non primari.


Editoria Sociale e Social bookmarking
L'editoria sociale è diffondere una notizia nella maniera del web 2.0, ovvero condividendola sui social network (Facebook, Twitter ecc...) e i siti di Social Bookmarking.
Nei Social Network è sufficiente postare la notizia o il link per condividerla con tutti gli amici. E per condividerla fuori dal nostro giro di contatti? La si segnala nei siti specializzati, i social bookmarking.
Nei siti di Social Bookmarking, gli utenti si registrano e inseriscono non l'articolo ma un bookmark, un segnalibro. Un Segnalibro segnala che qui, a questo link, è possibile leggere una notizia interessante. Un bookmark si presenta con titolo, a volte accompagnato da breve introduzione, tag e link. Chi lo ritiene interessante, ci clicca e si va a leggere la notizia direttamente nel sito dell'autore.
Non c'è una redazione che seleziona gli articoli. Sono gli altri utenti registrati che votano e decretano l'utilità della notizia. Qualsiasi utente può collegarsi e consultare questi elenchi di segnalibri divisi in categorie e rintracciabili grazie ad un motore di ricerca interno. Anche qui c'è una box informativa relativa all'autore.

 

Quali sono i migliori siti si Social Bookmarking e Article Marketing?

Commenti

avatar mary
0
 
 
Segnalo l'articolo che spiega come condividere le notizie nel social italiano http://www.questioner.it
E' un pulsante di condivisione in stile facebook, tutte le informazioni per inserirlo sono qui http://www.help.questioner.it/il-pulsante-con divisione-di-qu estioner/
Nome *
URL
Codice   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia Commento
Cancella
Mostra/Nascondi la form per i commenti
 

Search Engine Marketing

Farsi trovare dai futuri clienti

Email Marketing

Parlare con il cliente

Web Analytics

Calcolare quanto si spende per guadagnare