Gavick News Image I

http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/david.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/scacchi.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/caselle.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/monete.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/cavolata.jpg

Parola Chiave = Keyword PDF Stampa E-mail
Le keyword sono una o più parole (scarpe / scarpe da donna estive) utilizzate dall'utente per effettuare ricerche in internet. Più parole si utilizzano e più la ricerca sarà mirata. Se la ricerca è mirata, l'utente ha serie intenzioni di compiere un'azione, come per esempio comprare il prodotto.

 

L'utente, quando cerca qualcosa, interpella il motore di ricerca. Digita una o più parole che meglio rappresentano quello che sta cercando, e aspetta che il motore gli restituisca una lista quanto più pertinente alla sua ricerca.
Per chi ha una pagina web, la domanda è: con quali parole (keyword), digitate dall'utente, voglio essere trovato?

Con quali parole, voglio comparire nella lista dei motori di ricerca?

 

Le keyword devono essere pertinenti, competitive, specifiche.


Pertinenza Le parole che sceglieremo come keyword saranno semanticamente pertinenti con i contenuti del sito. Non posso scegliere la keyword -vino- se vendo scarpe. Se approdo su un sito di scarpe, ma quello che cerco è vino, non solo me ne andrò immediatamente, ma sarò anche infastidito. Può accadere, che leghi quel senso di fastidio al marchio delle scarpe in questione, e ciò è controproducente.
E' vero, anche, che ci sono parole molto digitate e quindi capaci di generare traffico nel mio sito. Il punto da chiarire è: qual è il vostro obiettivo? Ricevere molte visite? O ricevere anche solo una singola visita ma sicura, ovvero di una persona molto interessata che, facilmente, si trasformerà da utente a cliente?


Competitività - Analisi competitor Prima di scegliere le parole chiave, si controlla come sono posizionati i siti concorrenti. Si va a verificare, tra le keyword possibili, quali sono più usate e quali meno. Se è vero che quelle più digitate hanno più utenti, e quindi generano più traffico, è vero anche che, siti già ben posizionati con quelle parole esistono già.
A volte, tentare di fronteggiare una concorrenza troppo forte è una inutile perdita di risorse, meglio cercare strade alternative. Per esempio puntare su altre keyword, meno digitate ma prive di concorrenza. L'obbiettivo è quello di trasformare utenti in clienti e non quello di avere tanti utenti e nessun cliente.


Specificità Sta aumentando la percentuale di chi effettua ricerche digitando più parole. In questo modo vanno dritti al sodo, e trovano immediatamente quello che stanno cercando. Un utente, che sa quello che vuole, compra. Un utente indeciso vaga, gira, si fa un'idea. Quale utente state cercando?
Il secondo? Allora è consigliabile puntare su keyword specifiche e meno generiche.

 

Un volta scelte le keyword, queste verranno inserite nei punti strategici del sito: nei meta tag, nei titoli, nei testi...
I "punti strategici" sono "le componenti" del sito che il motore di ricerca esamina per dare una identità, un valore semantico al sito, per rispondere alla domanda: di che cosa tratta questa pagina web?


Meta Tag I meta tag (tag title, tag description... ) riguardano il codice HTML con il quale sono descritte le pagine del sito. Occorre precisare che la tendenza comune dei motori di ricerca è quella di dare sempre meno importanza ai meta tag e più ai contenuti scritti presenti nel sito.
Il motore di ricerca "legge" i testi e registra quali sono le parole più usate. Se viene fatto un buon lavoro, le parole che emergeranno saranno proprio le keyword scelte da noi. I due valori da tener presente sono la keyword density e la keyword frequency, parametri, in genere, tenuti sotto controllo da chi si occupa di web content.

 

Algoritmi semantici I motori di ricerca più raffinati stanno elaborando algoritmi che, "calcolando" la pertinenza semantica delle parole, siano capaci di misurare la relazione tra i significati delle parole che compongono un testo. Ovvero, il motore di ricerca "saprà" di cosa parla un testo e non si limiterà ad una mera enumerazione di parole. Quindi, non basterà più "rimpinzare" la pagina web di keyword, per essere indicizzati con quelle parole chiave ma, al contrario, tutto il testo dovrà essere semanticamente pertinente con le parole chiave scelte. Le keyword dovranno essere collocate in un contesto lessicale pertinente.
Per esempio, quando un utente interpellerà il motore con le keyword -scarpe da donna-, il motore prenderà in considerazione le pagine web che contengono le parole -scarpe da donna- e le pagine web che contengono le parole: tacchi a spillo, decoltè, sandalo...


Commenti

Mostra/Nascondi la form per i commenti
 

Search Engine Marketing

Farsi trovare dai futuri clienti

Email Marketing

Parlare con il cliente

Web Analytics

Calcolare quanto si spende per guadagnare