Gavick News Image I

http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/david.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/scacchi.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/caselle.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/monete.jpg http://www.norzwebmarketing.com/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/cavolata.jpg
Search Engine Marketing

Search Engine Marketing
Search Engine Marketing (SEM) ovvero fare marketing sui motori di ricerca PDF Stampa E-mail

Il web è un calderone di contenuti Il web è simile ad una sacca piena di oggetti. Se infili la mano trovi sempre qualcosa, ma se stai cercando qualcosa in particolare, come lo trovi?

Non esiste un elenco delle pagine pubblicate, per questo esistono i motori di ricerca.

I motori di ricerca Come funzionano? E' sufficiente digitare una o più parole, il motore di ricerca scartabella tutte le pagine che ha nel database, e restituisce un elenco di pagine legate alle parole digitate.

Il motore di ricerca più usato è Google. Lo interpella (query) circa l’80 % degli utenti internet.
La nostra pagina web è uno dei tanti oggetti nella sacca. Come facciamo a farci trovare?

Indicizzazione Per prima cosa si segnala il sito ai motori di ricerca e alle directory. Se non l’hanno ancora fatto, visiteranno il sito e, se considerato idoneo, lo inseriranno nei loro indici.


Ottimizzazione, assecondare i motori di ricerca Altra cosa molto utile è assecondare i motori di ricerca per favorire l’indicizzazione. Essere presenti nel database, consultato dal motore di ricerca, non è sufficiente. E' necessario occupare una buona posizione.  
Come ottimizzare un sito per salire di posizione?

Accessibilità agli spider I motori di ricerca hanno degli spider (ragni) che entrano nel sito e visitano le loro pagine. Il sito deve essere rivisto, o rielaborato, in termini di codice di programmazione e struttura tecnica per agevolare, o quanto meno non ostacolare, il lavoro del motore di ricerca.

Contenuti interessanti I motori prediligono i siti che contengono informazioni utili per l’utente. Gli spider rilevano i testi del sito (che siano articoli, titoli, link testuali, nome delle immagini…) e si “fanno un’idea” dell’argomento trattato, considerandolo più o meno pertinente con la query dell’utente, con ciò che l'utente sta cercando.

Keyword – parola chiave Le keyword o parole chiave sono quelle parole che l'utente digita quando cerca qualcosa.
La domanda è: con quali parole voglio essere trovato?
Quali parole, rispetto ad altre, meglio identificano la mia pagina web?
Le scelgo e le inserirò nei punti strategici del sito (all’interno degli articoli, title, tag ecc), così che tutte le volte che un utente fa una ricerca con quelle parole, il mio sito salta fuori. Il motore di ricerca infatti, controlla la pertinenza tra le parole digitate dall'utente e quelle presenti nel sito. Se la pertinenza è alta, il sito ha maggiori possibilità di occupare buone posizioni. E ciò avviene quando il motore di ricerca “considera” che il sito risponde alle esigenze espresse dall'utente.
Per un sito di scarpe da donna, le keyword potrebbero essere: scarpe donna, stivale con tacco ecc... Così che, in linea generale, se qualcuno digita -stivale donna-, il sito ha buone probabilità di uscire nelle prime posizioni.

Link popularity Un altro fattore, che il motore di ricerca tiene in considerazione, è la popolarità del sito. Google e gli altri fanno questo ragionamento: se sei molto gettonato, evidentemente gli utenti ti considerano molto utile, quindi sei utile anche per noi e meriti di posizionarti in alto per essere trovato anche dagli altri utenti. Questa popolarità il motore la calcola sulla quantità e qualità dei link in entrata. Meglio detto: una pagine web (A) è popolare se tanti siti (B1, B2, Bn…) hanno un link che rimandano a lui. E più il sito (B) che rimanda alla pagina web (A) è autorevole e più quel “contatto”, quel link, aumenta la popolarità del sito (A). Questo è ciò che, nel gergo del marketing, chiamano Link Popularity.
E come si fa per essere molto gettonati? Il sito deve includere molti contenuti utili. Dimentica la pubblicità fine a se stessa. Il consumatore è un utente che vuole informarsi, se non gli viene data la possibilità di farlo, ignorerà te, il tuo sito e i tuoi prodotti.

I metodi fin ora descritti danno risultati puri, ovvero, permettono di raggiungere un posizionamento naturale (o organico). Se non siete ancora soddisfatti dei risultati, potete avviare una campagna di keyword advertising. Questo, però, è un servizio a pagamento.

Campagna di Keyword advertising - Pay per click Google, come Yahoo, MSN e gli altri motori, mette a disposizione degli spazi per annunci sponsorizzati.
Quando si fanno le ricerche, compare una lista di siti scelti da Google (o dal motore di ricerca usato in quel momento) e quello è il posizionamento naturale (abbiamo visto pocanzi, come sia possibile migliorarlo attraverso l’ottimizzazione del sito).
Tutti quei siti sono stati scelti naturalmente dal motore di ricerca, in base a quanto detto prima, indicizzazione, keyword, link popularity… Insomma, i siti compaiono per primi, secondi, terzi ecc… in base a quanto sia stata scaltra l'agenzia che gli cura il web marketing. Oppure perché sono siti veramente utili e pieni di informazioni.
Affianco a questo elenco, ne compare un altro più piccolo: qui si esce in base alle keywords scelte, ma se primi o per secondi lo decide quanto paghi le parole che hai scelto. Per questo si chiama Keyword (parola chiave) Advertising (inserzione). Ma paghi solo quando qualcuno ti clicca e visita il tuo sito. Puoi anche comparire per primo, ma se nessuno ti clicca non paghi.
In pratica funziona così. Voglio comparire quando un utente cerca -orologi d'oro-. Sono disposto a pagare la combinazione di parole -orologi d’oro-” 1 euro per ogni persona che mi clicca (pay per click, pagare per il click). Se nessuno offre di più la tua inserzione compare per prima nell'elenco degli annunci sponsorizzati. E’ possibile scegliere in quale fascia oraria comparire e a quale area geografica rivolgersi.
Naturalmente ci sono anche altri parametri che influenzano la posizione o il costo di un click, ma sono dinamiche complesse delle quali parleremo in separata sede, negli approfondimenti.

Per SEM e SEO si intendono tutte le attività sopra descritte Per la precisione la sigla SEM (Search Engine Marketing) racchiude tutte le attività che aumentano la visibilità sui motori di ricerca e parte di queste riguardano il posizionamento naturale. SEO (Search Engine Optimization) indica l'insieme delle attività relative solo al posizionamento naturale.
Quindi: SEM = SEO + pay per click.

Commenti

avatar marisa
0
 
 
Mi domando quando i motori di ricerca saranno davvero efficaci nel penalizzare in termini di visibilità tutti quei siti che, ad esempio, spargono parole chiave senza alcun senso logico all'interno delle loro pagine. Che la necessità di farsi trovare aguzzi l'ingegno per trovare nuove soluzioni interessanti non mi sembra jna cosa così malvagia.
Giovedì 25 Agosto 2011, 16:29
Invia una risposta
Nome *
URL
Codice   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia Commento
Cancella
Mostra/Nascondi la form per i commenti
 

Search Engine Marketing

Farsi trovare dai futuri clienti

Email Marketing

Parlare con il cliente

Web Analytics

Calcolare quanto si spende per guadagnare